LA LUCE IN SALA


POPIELUSZKO – NON SI PUO’ UCCIDERE LA SPERANZA
9 dicembre 2010, 8:00 am
Filed under: Cattolici, Film

(Popieluszko. Wolnosc jest w nas)

Polonia, 2009, di Rafal Wieczynski, Artur Balczynski, Adam Biedrzycki, Teresa Bielinska, Witold Bielinski.

Questo film non è qualcosa che si vede per passare un paio d’ore, per rinvigorire il proprio spirito o per gustare semplicemente qualcosa di edificante. Questo film deve essere visto da tutti, sia cattolici che non. Abbiamo il dovere di vederlo perché spalanca le coscienze su un passato troppo prossimo, che proprio per questo ci è capitato di dimenticare. L’abbiamo dimenticato o forse, per quanto riguarda i giovani, non abbiamo fatto in tempo a viverlo, (e i programmi scolastici non sono mai riusciti a toccarlo). O abbiamo solo smesso di pensarci (com’è anche naturale e fisiologico), col tacito assenso di tutto un universo intellettuale.

Il lungometraggio parla di momenti schiaccianti: senza questi le circostanze che motivano le vicende ripetute tuttora in svariate parti del mondo (con le dovute differenze), ci appariranno sempre lontane, teoriche, composte solo da titoli di giornali. E invece era accaduto qui, a casa nostra, nel cuore dell’Europa, ieri l’altro.

Jerzy Popieluszko (1947-1984), presbitero di umili origini, si avvicina al movimento operaio polacco assumendo una posizione chiave nella lotta per i diritti sociali in occasione della richiesta, da parte di alcuni scioperanti delle acciaierie di Varsavia, di poter celebrare una Messa all’interno dei picchetti. Egli diverrà così il simbolo dell’azione contro-comunista della Chiesa, unica istituzione non liquidabile tanto facilmente, e baluardo di una libertà cui furono costretti ad appoggiarsi anche i non credenti.

Il film mostra il segno della realtà, il fatto storico (proposto con rigore) è slegato da ogni lirismo, da ogni alone edulcorante volto a mitizzare la figura del martire, e anzi vengono inseriti a proposito e con grande efficacia (sia per la definizione del contesto, sia di richiamo folgorante alla verità), spezzoni tratti dai girati intorno a quei fatti, specie in occasione delle visite di Giovanni Paolo II, che mai come in questo film si palesa figura cardine nel colpire la teoria del caso nella storia. Nonostante questa grande concretezza (quasi cruda), la spiritualità ci sorprende ed avvolge con raro nitore. Indimenticabili le litanie alla Vergine aggiornate al dramma in corso:

Madre di coloro che ripongono speranza in Solidarność – prega per noi

-Sto cercando di allontanare l'odio.

Madre degli ingannati – prega per noi

Madre di coloro che sono stati arrestati – prega per noi

Madre dei minatori che sono stati uccisi – prega per noi

Madre di tutti i processati – prega per noi

Madre dei giovani studenti – prega per noi

Madre di tutti gli attori perseveranti – prega per noi

Madre degli sgomenti – prega per noi

Madre degli indomiti – prega per noi

Madre dei percossi – prega per noi, nel giorno della tua festa, O Regina della Polonia

Madre di coloro che sono stati costretti a firmare delle dichiarazioni contro la loro coscienza…

E, come queste, tante altre parole di insegnamento pienamente dottrinale, dimostrato a fondamento di ogni possibile civiltà. Il finale strugge e distrugge, il martirio concretato in vero odio alla fede si compie brutale e abbondantemente preannunciato. La Polonia piange, il Papa polacco raccoglie, dolorosamente, le gesta di questo santo fratello connazionale. Dio ha tolto… ma di lì a poco il comunismo sarà crollato.

14 giugno 1987

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

Thank you, blessed Jerzy Popieluszko

Commento di Shimaine




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: