LA LUCE IN SALA


IL RITO: 4 FEBBRAIO
4 gennaio 2011, 7:33 pm
Filed under: News

Può far piacere o meno, ma  molto spesso la cattolicità, certamente viziata dalle esigenze del business, emerge dalle produzioni di un genere che frequenta spessissimo il soprannaturale: l’horror. So per certo che molti non apprezzano queste ingerenze nei temi sacri…ma credo che dovrebbe essere chiaro come il cattolicesimo, pur prodigandosi a remare con tutta la forza possibile nella direzione opposta, accetti (se è Cattolicesimo), il lugubre che fa parte delle verità ultraterrene. Perciò certi film, di importanza innegabile, forse saranno sideralmente opposti allo spirito cattolico, forse potranno anche turbare la sensibilità dei credenti, ma questo non significa (sebbene spettacolarizzino esagerando, reinterpretino, adattino) che non siano film cattolici. Ci parlano di cose che ci appartengono poco (o almeno vorremmo fosse così), ma sono cose che sebbene scegliamo di sminuire, continuano imperterrite ad essere reali. Non è questa la sede per dilungarsi sull’eterno discorso sui rischi di un interesse troppo tiepido o troppo morboso per questi temi, ma ritengo che un cattolico adulto, (sia anagraficamente, e dunque capace di quantificare la propria sensibilità, che spiritualmente) possa solo trovare vantaggio dalla visione dell’uno o dell’altro titolo.

Questa lunga premessa andava fatta per introdurre il post di oggi, ma anche per chiarire il taglio che darò alla selezione dei prossimi film da inserire nel catalogo dei titoli del blog.

Il trailer del film  “Il Rito” promette benissimo: Il seminarista americano Gary Thomas rifiuta di credere nell’esistenza del diavolo, verrà però inviato in Vaticano per seguire un corso di preparazione al rito dell’esorcismo, dove avrà occasione di conoscere Padre Lucas, personaggio vibrante la cui esperienza smentisce direttamente lo scetticismo del ragazzo. Le scritte introduttive del trailer (calcate nella sensazionalità) aggrappano i contenuti della trama a un principio di verità, cui anche il libro da cui viene tratta la vicenda vuole rifarsi (Il Rito, Matt Baglio, Sperling & Kupfer, 2009) il che, dichiarato a spron battuto (come sempre per polarizzare l’attenzione di chi deve scegliere un film da vedere) diventa una presa di posizione molto netta. Non voglio creare prematuri entusiasmi, ma il poco che trapela dalle immagini sembra di grande ortodossia. Nella speranza di non sbagliarmi auspico il piacere di inserire fra le recensioni de La Luce in sala, un titolo che annovera fra i protagonisti il grandioso Anthony Hopkins. Vedremo!

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: