LA LUCE IN SALA


SISTER ACT
21 gennaio 2011, 7:37 pm
Filed under: Cattolici, Di ispirazione, Film

(Sister act)

Usa, 1992, di Emile Ardolino, con Whoopy Goldberg, Maggie Smith, Kathy Najimy, Wendy Makkena, Mary Wickes, Bill Nunn…

Chi cercasse in Sister Act, accanto alle scenette divertenti e alle trovate spumeggianti, profonde incursioni nella morale cattolica, resterebbe certamente deluso… ma non per questo il film merita di essere escluso da La Luce in sala. È chiaramente un film cattolico per ragioni di indirizzo contestuale (va detto come scelga effettivamente di mantenersi distaccato da approfondimenti spirituali compromettenti), ma anche solo in questo risulta del tutto apprezzabile per come riesca a trasporre in commedia efficacissima il talvolta monotono panorama cattolico. Quest’ultimo, vuoi per il suo bagaglio di tradizione e altisonanza (da esporre dunque all’irriverenza), vuoi per la giocosità che talvolta vuole comunicare esso stesso, risulta il terreno ideale per intonare una giaculatoria di divertentissimi exploit. Ma come impostare il discorso in modo originale? A questo pensa la trama semplice quanto forte: Deloris Van Cartier, cantante (dallo spirito un po’ chiassoso) in un night, è costretta suo malgrado a rifugiarsi all’interno del convento di Santa Caterina, asso nella manica del programma protezione testimoni di Reno. Basterebbe solo questo a fare del film qualcosa su cui posare l’attenzione, ma si è voluto realizzare un film per famiglie che spopolasse (cosa fra l’altro accaduta) creando un’atmosfera piacevole e positiva persistente anche nelle scene d’azione e suspence, caratterizzando le suore in modo molto diversificato (trucchetto che funziona benissimo dall’epoca dei sette nani) e soprattutto, ingrediente magico, inserendo una colonna sonora strepitosa, principio attivo della trama e accompagnamento sonoro d’eccezione.

Whoopy Goldberg non si risparmia, dipanando un campionario d’espressioni l’una più simpatica dell’altra, e a farle da contraltare trova l’ottima e signorile Maggie Smith, azzeccatissima nel ruolo della madre superiora severa e conservatrice. Gli scorni fra le due sono a dir poco memorabili: difficile trattenere un sorriso quando Deloris vorrebbe rassicurare la sua protettrice dicendo “Sa io…io di voi ho sempre… ho sempre parlato bene, ho sempre avuto ammirazione per voi… per voi suore intendo, perché voi siete così… CATTOLICHE!” come pure quando in tutta risposta, un momento più tardi, la malcapitata si sentirà apostrofare dalla pia direttrice: “C’è gente che vuole ucciderla, lo sa? Chiunque l’abbia incontrata immagino…”. Insomma, in ogni scena accade o si dice qualcosa di divertente, facendo di Sister Act un film godibile ininterrottamente anno dopo anno.

Ci sono le critiche negative? Come anticipato, ma tenendo presente che di una commedia si tratta, si dovrà registrare un effettivo appiattimento dei temi intrinseci alla religione, prediligendone i soli aspetti esteriori, (i soli che si prestino all’approccio scherzoso). Il film affronta coraggiosamente il problema delle parrocchie svuotate, ma non trova di meglio per risolvere la questione che applicare la formula delle chiese afroamericane, con musica gospel e sermoni umoristici. Le suore appaiono inoltre un po’ rintontite dal candore, cosa che se da un lato ne sottolinea le virtù, dall’altro le banalizza come esseri pensanti. Nulla di grave, certe forzature sono necessarie a rendere una commedia veramente comica, e in questo caso pagarne il prezzo vale davvero la pena, visto il risultato. Sul versante “cattolico-filiaco” ci si dovrà accontentare, ma non è poco, di una progressiva maturazione della protagonista, sempre meno avversa all’ambiente ecclesiastico, della descrizione programmaticamente positiva della vita religiosa, della comprensione e l’affetto che andrà dimostrando la direttrice del convento. Forse questa recensione è troppo entusiastica, ma Sister Act, complici lo ripeto, le musiche, mi fa esattamente quest’effetto! Da vedere e rivedere, quando piove, a Natale, coi bambini, senza… Anche stasera!

Annunci

1 commento so far
Lascia un commento

Essendo uno dei miei film preferiti non posso fare altro che consigliarlo!!! Questa è proprio una recensione ben fatta!

Commento di Giacomo




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: